Recensioni

Recensione ➳ “Pax” di Sara Pennypacker

Buonasera a tutti lettrici e lettori! Oggi parliamo di un romanzo per ragazzi che ho davvero adorato! Ringrazio ancora tantissimo la Rizzoli per avermelo inviato 😀 
Quindi via alla recensione! 

51beu5sqcnl-_sx319_bo1204203200_

Titolo: Pax
Autore: Sara Pennypacker
Traduzione: Paolo Maria Bonora
Editore: Rizzoli
Pagine: 300
Prezzo di copertina: 16,00 € (copertina rigida)

Trama “Pax”
Da quando Peter, dodici anni, ha trovato il volpacchiotto Pax, i due sono sempre stati inseparabili. Un giorno accade l’impensabile: il padre di Peter si arruola per andare in guerra e costringe suo figlio a lasciare la volpe sul ciglio di una strada. Il ragazzo obbedisce, ma non appena arriva a casa del nonno dove è destinato a vivere, capisce di aver fatto l’errore della sua vita. Così parte per ritrovare il suo migliore amico. Un percorso di cinquecento chilometri che gli porterà avventure, guai e amicizie: un viaggio che lo farà crescere. Pax lo aspetta, e nel frattempo scopre luci e ombre della libertà. Tutti e due non vedono l’ora di ritrovarsi, però quel momento non sarà affatto come avevano immaginato.

La mia recensione
Appena ho visto l’anteprima di questo libro la prima cosa che mi ha colpito è stata la copertina.
Quando ho scoperto che all’interno c’erano delle illustrazioni mi sono venuti gli occhi a cuoricino e dopo aver letto la trama è stato amore a prima vista (o a prima lettura) e ho scritto alla Rizzoli :’D
Come sempre sono stati gentilissimi e mi hanno dato anche questa volta la possibilità di poter leggere questa piccola meraviglia, ma andiamo più nel dettaglio.

Questa è la storia di una tenerissima volpe di nome Pax e il suo padroncino Peter.
Purtroppo il ragazzo sarà costretto a lasciare in libertà il suo amico peloso a causa dell’arrivo della guerra, pensando di aver preso la decisione più giusta per lui.
Non appena Peter si trasferirà dal nonno si renderà conto di aver sbagliato tutto e inizierà ad intraprendere il viaggio che gli cambierà la vita, per salvare il suo migliore amico.

Questo è stato è stato un libro che mi ha davvero scaldato il cuore e che ho amato.
L’elemento chiave di questa storia è l’effetto che si può provare per un animale, quanto amore gli si può dare e soprattutto quanto amore può regalarti lui.
Questi temi mi toccano sempre tanto, li sento molto vicini a me e non posso farci niente.
Infatti dopo aver conosciuto Pax mi sono innamorata delle volpi e del loro mondo.

“«Quindi, qual è la verità? Stai tornando dalla tua volpe o a casa?»
«Sono la stessa cosa.»”

La bravura nell’autrice secondo me è stato dare dei pensieri concreti a delle volpi, è strano da spiegare ma è come se avesse messo sullo stesso piano un animale e un uomo e io riuscivo davvero ad immedesimarmi in Pax e a sentire tutto quello che provava lui nella foresta come se fosse una persona reale.

Se da una parte seguiamo le vicende di Pax che entra per la prima volta in contatto con la “libertà”, dall’altro lato vediamo la determinazione di Peter nel volerlo ritrovare.
Egli è un ragazzino dodicenne che ha grinta, coraggio e forza di volontà.
Peter è un personaggio riuscito benissimo e nel corso della lettura ha una crescita pazzesca; proprio perchè questa è un’avventura che si tramuterà in un bellissimo viaggio di formazione.

Ho anche apprezzato il fatto che Peter avesse avuto al suo fianco una figura importante come quella di Vola, una donna che avrà un ruolo fondamentale nella sua avventura.
La sua storia è molto interessante e quello che più mi è piaciuto è che alla fine l’incontro fra i due non sarà d’aiuto solo per Peter, ma Vola capirà tante cose di se stessa che prima non voleva accettare.

“[…] Puoi vibrare all’unisono con il suo battito. Puoi anche stare per conto tuo. Ma non sarai da solo.»
«E se mi perdo?»
«Non ti perderai.»
«Penso di essermi già perso.»
Vola si chinò sul tavolo, gli prese il viso tra le mani e lo strinse.
«No. Ti sei trovato.»”

Ci sono parecchie scene che mi hanno commossa, lo devo ammettere, e tutto questo è merito dello stile di scrittura molto coinvolgente accompagnato dalle illustrazioni di Jon Klassen che ho trovato meravigliose e delicate.

Quello che non mi è andato molto giù è stato il finale.
Purtroppo mi ha lasciato un senso di dolce/amaro che non sono riuscita a togliermi di dosso.
Nonostante io lo trovi un epilogo giusto per una storia così, purtroppo in cuor mio so che avrei voluto che andasse diversamente.. Anche se ripeto, per l’insegnamento che vuole far passare l’autrice è giusto che sia andata così.
Però ecco avrei preferito sapere anche qualcosina in più.

Nonostante “Pax” sia indirizzato ad un pubblico più giovane di me l’ho trovato un libro emozionante e si merita 4 tazze di tè e mezzo!

Il mio voto
4 e mezzo
Una storia molto toccante che vede come protagonisti Peter e Pax, una volpe e un ragazzo che non potrete fare a meno di amare! 

 

Annunci

8 risposte a "Recensione ➳ “Pax” di Sara Pennypacker"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...